Sintlife

sostituto osseo malleabile

Sintlife-sostituto osseo malleabile

Nanostruttura biomimetica: la natura come modello

È stato dimostrato che la presenza di ioni Mg2+ deforma la struttura della cella cristallina di idrossiapatite rendendola instabile e biologicamente attiva, favorendo così la formazione ossea, il rimodellamento e un rapido riassorbimento cellulomediato del materiale.

Inoltre, la presenza di magnesio modifica le proprietà chimico-fisiche superficiali dell’idrossiapatite: il biomateriale interagisce attivamente con le molecole d’acqua* per catturare rapidamente le proteine chiave coinvolte nell’osteogenesi.

*Bertinetti et al. Langmuir (2009)


 

Un processo sincronizzato

SINTlife è un materiale unico ed innovativo in grado di interagire con le cellule che prendono parte al processo di generazione di nuovo tessuto osseo. Grazie al biomimetismo chimico e geometrico nanostrutturale ed alle proprietà di superficie, SINTlife viene rimodellato e riassorbito dall’azione cellulare in un tempo fisiologicamente adeguato (6-18 mesi).

Permane nel sito di applicazione per la durata necessaria alla crescita e alla maturazione del nuovo osso. Durante la fase di rimodellamento, si può osservare l’attività di riassorbimento ad opera degli osteoclasti intorno alle particelle di SINTlife, fino ad una completa rigenerazione ossea. SINTlife promuove una ricostruzione ossea fisiologica, rapida ed efficace.

*Landi et al., J. Mater Sci: Mater Med (2008)

Applicazioni cliniche

SINTlife è stato progettato per essere applicato in varie procedure chirurgiche:

021-indicazioni - indicazioni

SINTlife può essere miscelato con osso autologo, fluidi biologici, concentrato midollare e fattori di crescita.

SINTlife va inteso come un riempitivo di cavità o lacune ossee. Non deve sostituire le procedure standard per il trattamento dei difetti ossei. Deve essere utilizzato con gli opportuni mezzi di sintesi e stabilizzazione meccanica.

SINTlife Spine è disponibile con i seguenti codici:

Pasta

codice
descrizione
q.ta per confezione
PFS015057-07-00
Pasta (siringa 1,5 cc)
1,5 cc
PFS015057-02-00
Pasta (siringa 2,5cc)
2,5 cc
PFS015057-03-00
Pasta (siringa 5cc)
5 cc

Putty

codice
descrizione
q.ta per confezione
PFS015057-08-00
Putty nanostrutturata (siringa 1,5 cc)
1,5 cc
PFS015057-04-00
Putty nanostrutturata (siringa 2,5cc)
2,5 cc
PFS015057-05-00
Putty nanostrutturata (siringa 5cc)
5 cc

SINTlife Ortho è disponibile con i seguenti codici:

Putty

codice
descrizione
q.ta per confezione
PFS015056-01-00
Putty nanostrutturata (siringa 1cc)
1 cc
PFS015056-02-00
Putty nanostrutturata (siringa 2,5cc)
2,5 cc
PFS015056-00-00
Putty nanostrutturata (siringa 5cc)
5 cc
PFS015056-05-00
Putty nanostrutturata (siringa 10cc)
10 cc

Granuli

codice
descrizione
q.ta per confezione
PFS015055-26-00
Microgranuli (dimensioni 600-900 micron)
5 cc
PFS015055-13-00
Microgranuli (dimensioni 600-900 micron)
15 cc
  1. Sartori M, et al. (2014) “Long-term in vivo experimental investigations on magnesium doped hydroxyapatite bone substitutes”.
    Journal of Materials Science: Materials in Medicine 25(6):1495–1504
  2. Dallari D, et al. (2012) “A prospective, randomised, controlled trial using a Mg-hydroxyapatite - demineralized bone matrix nanocomposite in tibial osteotomy”.
    Biomaterials 33(1):72–79
  3. Manfrini M, et al. (2011) “New Generation of Orthopaedic Mimetic Bioceramics Assayed with Human Mesenchymal Stem Cells”.
  4. Manfrini M, et al. (2009) “High porosity bioceramic is a favourable environment for the adhesion and proliferation of human mesenchymal stem cells”.
    ECCOMAS – INTERNATIONAL CONFERENCE ON TISSUE ENGINEERING 2009 P.J. Bártolo et al. (Eds.) Leiria, Portugal, July 9-11, 2009
  5. Landi E, et al. (2008) “Biomimetic Mg-substituted hydroxyapatite: from synthesis to in vivo behaviour”.
    Journal of Materials Science: Materials in Medicine 19(1):239–247
  1. Barbanti Brodano G, et al. (2015) “A post-market surveillance analysis of the safety of hydroxyapatite-derived products as bone graft extenders or substitutes for spine fusion.” 
    Eur Rev Med Pharmacol Sci 19(19):3548–3555
  2. Barbanti Brodano G, et al. (2014) “Hydroxyapatite-Based Biomaterials Versus Autologous Bone Graft in Spinal Fusion: An In Vivo Animal Study.” 
    Spine 39(11):E661–E668
  3. Barbanera A, et al. (2013) “Potential applications of synthetic bioceramic bone graft substitute in spinal surgery.” 
    Progress in Neuroscience 97–104
  4. Manfrini M, Di et al. (2013) “Mesenchymal stem cells from patients to assay bone graft substitutes.” 
    Journal of Cellular Physiology 228(6):1229–1237
  5. Barbanti Brodano G, et al. (2012) “Human mesenchymal stem cells and biomaterials interaction: a promising synergy to improve spine fusion.” 
    European Spine Journal 21(S1):3–9
  6. Pola E, et al. (2011) “Bioplasty for vertebral fractures: preliminary results of a pre-clinical study on goats using autologous modified skin fibroblasts.” 
    International journal of immunopathology and pharmacology 24(1 Suppl 2):139
Sintlife